Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
PSI San Giustino

IL SEGRETARIO DEL PSI NENCINI FA UN BILANCIO DI FINE ANNO E LANCIA LE PROPOSTE PER IL FUTURO DEL PARTITO

1 Gennaio 2013 , Scritto da sezione san giustino

Il 2012 è ormai alle spalle, così come l’esperienza del governo dei tecnici di Monti. Davanti a tutti noi c’è un anno che inizia già in campagna elettorale, e che riporterà in Parlamento un governo espressione del volere dei cittadini, fatto di forze politiche nuove, alcune negli anni sedimentate, partiti storici e alleanze più o meno definite. E’ tempo quindi di fare bilanci, sia per quanto successo nell’anno passato, sia per quanto ci si aspetta per il futuro, e a farlo con l’Avanti! è il segretario del Partito Socialista italianoRiccardo Nencini, che lanciando uno sguardo ai prossimi mesi dichiara: “La Seconda Repubblica è nata contro i partiti che costruirono la prima, tra cui il Psi. La Terza Repubblica nascerà con il Psi che ritornerà tra i suoi scranni parlamentari, e che rischierà di essere l’unico tra i piccoli partiti di nuovo presenti in Parlamento”.

 

Il Presidente del Parlamento europeo Martin Schulz, in un’intervista all’Avanti!, ha dichiarato: “La mancanza di un governo dell’euro è alla radice dei problemi di questi anni e dell’esposizione dei debiti pubblici di alcuni paesi europei, così come della speculazione finanziaria”. E’ d’accordo con questa affermazione?

Sono d’accordo con quanto dichiarato all’Avanti! da Schulz, anche se, a mio parere, c’è anche un’altra radice del problema: vi è stata da parte della politica una rinuncia a scrivere le regole dei mercati finanziari. Anche questo ha sensibilmente contribuito.

Nell’anno in cui ha agito, l’ormai ex governo dei tecnici guidato da Monti sembra aver pensato unicamente al pareggio di bilancio e non essere stato all’altezza delle aspettative rispetto alla crescita del paese. Quali saranno le proposte per lo sviluppo che faranno i socialisti una volta rientrati in Parlamento?

Ciò che faremo dal primo giorno che rimetteremo piede in Parlamento sarà: la proposta di una patrimoniale sulle grandi ricchezze, abbattere la pressione fiscale sugli stipendi a reddito fisso, togliere l’Imu sulla prima casa e finanziare lo sviluppo delle piccole e delle medie imprese.

Certe proposte, come l’inserimento nella Costituzione del termine “laico”, riprendono la tradizione socialista. E’ questa la vostra intenzione?

Significa per noi riprendere il testimone di una parte della storia socialista italiana. Tra l’altro, se i radicali non saranno presenti in Parlamento dovremo occupare anche quello spazio politico/culturale, e lo faremo con grande determinazione e in assoluta autonomia. Senza dimenticarci che la nostra autonomia è figlia sia della nostra storia che delle nostre idee.

Nei giorni scorsi, lei è entrato in polemica con il giudice Ingroia per l’inserimento nel suo simbolo politico del quadro di Giuseppe Pellizza da Volpedo, “Il quarto Stato”. 

Quando nacque il quadro di da Volpedo i socialisti tifavano per il Pinocchio ingiustamente arrestato dai carabinieri. Oggi i socialisti tifano per la giustizia giusta, che può anche essere quella dei magistrati che scendono in politica. Fermo restando che sono a dir poco stupefatto, per non dire impaurito come cittadino, di come chi ha in mano la sorte di molti cittadini italiani utilizzi questo strumento con superficialità, perché più che l’uso della ragione vedo primeggiare l’uso della forza.

Crede che la “salita” in campo di Monti rispetti la missione che gli fu affidata dal Capo dello Stato, o in qualche modo il professore sembra aver preso gusto alla politica e quindi abbia travalicato i confini che lui stesso si era imposto?

Per sua stessa ammissione Monti ha tradito gli impegni che aveva assunto nei confronti degli italiani, del Parlamento e del Capo dello Stato. Proprio lui che aveva dichiarato di voler servire l’Italia in questa fase di passaggio. E’ chiaro che abbia cambiato idea.

Il 5 gennaio il Partito Socialista farà le sue prime primarie, legate alle idee, e lanciate con una campagna dal titolo: “Le tue idee per la tua Italia”. Da dove nasce l’esigenza e la voglia di ascoltare la voce, quindi il pensiero proprio degli elettori?

Abbiamo bisogno anche noi di un “bagno” di democrazia diretta, e questo abbiamo deciso di legarlo al nostro programma. La partecipazione degli elettori ci permetterà di consegnare ai nostri parlamentari eletti delle priorità di governo decise dai cittadini.

Un’ultima domanda: sempre il prossimo 5 gennaio sarà un anno esatto dalla riapertura del vero Avanti!. Un anno di notizie e pubblicazioni che hanno significato per il partito riappropriarsi di una testata storica che, socialmente e politicamente parlando, ha fatto e dato tanto al nostro Paese. 

Considero quella della riapertura dell’Avanti! una delle cose migliori che abbia fatto la mia segreteria. Si è rivelata una scelta giusta, perché è stata una scelta di libertà.

Giampiero Marrazzo

www.avantionline.it

Condividi post

Commenta il post

graziano binucci 01/02/2013 22:02

Ma quale rilancio se nessuno sà che il PSI fa parte della coalizione ! Se il Nencio non si presenta con il simbolo del Partito Socialista non è altro che un venduto per un posto in parlamento !
Auguri - Uno socialista attualmente iscritto al PD per punti di vista con l'attuale direzzione del PSI .

sezione san giustino 01/03/2013 09:42



compagno, il psi per vivere ha bisogno di rientrare in parlamento, ed il partito sta adottando tutti i metodi per provare a rientrare, spero che almeno
alla camera dove la soglia di sbarramento è più bassa andiamo con il sombolo, ma non sono sicuro. per il senato invece è quasi sicura una lista insieme a sel. queste due scelte pultroppo sono
state dettate da anni di sottomissione del psi al pd ed arrivati a poco dalle elezioni la nostra scelta non era una scelta. rientrati in parlamento ci sarà un congresso dove si vedrà finalmente
il rilancio del partito.